FAQ

Risolvi ogni dubbio.

Tutte le indicazioni di cui hai bisogno sono qui.
Argomenti più cercati:
Che cosa vuole dire frequentare un periodo scolastico all’estero?
Si tratta di intraprendere un’esperienza altamente formativa e interculturale, frequentando una scuola superiore nel Paese ospitante, importante per la crescita accademica, linguistica, personale dello studente, in età compresa tra i 15 e i 18 anni, ed un investimento importante per il suo futuro professionale.
Che cosa vuol dire essere un Exchange Student?
Significa entrare a far parte di quella cerchia, costantemente in aumento, di studenti che decidono di frequentare un periodo di scuola presso un istituto scolastico estero. E’ necessario possedere flessibilità, apertura al cambiamento ed alle diverse tradizioni e culture.
Chi può partecipare al programma?
Tutti gli studenti dai 15 anni compiuti ai 18 anni. In generale gli anni più indicati per fare l’esperienza restano il 3° o 4° anno della scuola superiore, dipende poi dal paese di destinazione e dalla maturità di ogni singolo studente.
Il periodo scolastico all’estero è riconosciuto dalla mia scuola italiana?
La Nota Ministeriale N.843 dell’Aprile 2013 sulla mobilità studentesca internazionale oltre a richiedere alle scuole superiori di facilitare tale esperienza, riconosce la sua validità ai fini dell’ammissione all’anno successivo.
Come si fa a partecipare?
Per partecipare è possibile contattarci sul web, sulla nostra pagina Facebook oppure telefonicamente, richiedendo il nostro catalogo completo di tutte le informazioni. Lo studente interessato può venire a trovarci presso i nostri uffici o durante gli open day organizzati su scala nazionale. Navigando si avvale anche della collaborazione di Rappresentati di Area, che sparsi per tutta Italia, sono un punto di riferimento durante le diverse fasi che l’iscrizione al programma prevede: colloquio conoscitivo, somministrazione di un test linguistico e di un questionario, compilazione della Scheda di Presentazione. Questa prima fase non vincola la partecipazione al programma. Successivamente alla acquisizione della Scheda di Presentazione viene inviato allo studente un Dossier da compilare entro 20 giorni. Questo Dossier verrà inoltrato da Navigando all’organizzazione estera che verificherà requisiti e disponibilità. In attesa della conferma del placement, lo studente verificherà la validità del passaporto, che dovrà avere validità per sei mesi dopo il rientro in Italia. Ricevuto il placement occorrerà avviare le pratiche per ottenere il visto, dove richiesto e seguire, tra aprile e maggio un corso di formazione online, di grande aiuto per studenti e famiglie.
E’ previsto un percorso di formazione per gli studenti in partenza?
Sì, Navigando è particolarmente attenta alla formazione degli studenti e delle loro famiglie. Per questo motivo mette a loro disposizione una PIATTAFORMA E-LEARNING, appositamente studiata per preparare nel migliore dei modi all’esperienza interculturale. Inoltre, Navigando, oltre a prevedere la formazione locale con il Rappresentante di Area, è l’unica organizzazione a proporre un Campo di Formazione pre-partenza di 5 giorni, tenuto nel corso del mese di giugno. Infine, al rientro dall’esperienza, gli studenti sono chiamati a partecipare al Campo di rientro, per condividere con il nostro staff le emozioni e le criticità vissute all’estero. Elemento ancora caratterizzante della formazione offerta da Navigando è la somministrazione del Test EQi, strumento utile a capire le caratteristiche emotive, psicologiche e sociali dei partecipanti, in modo tale da accompagnarli al meglio nella loro esperienza.
Chi è YFU Italia?
YFU è l’acronimo di Youth for Understanding, organizzazione educativa no-profit internazionale, operativa da oltre sessant’anni, presente in Italia ufficialmente nel 2015 grazie al fondamentale supporto di Navigando. Fondazione YFU Italia si caratterizza per gli importanti valori di cui si fa portavoce nel nostro Paese. E’ uno dei programmi storici di scambio interculturale e uno tra i più importanti e rispettati al mondo.
E’ possibile scegliere la destinazione?
Dipende dal programma: l’organizzazione YFU Italia, offre la possibilità di scegliere il Paese di destinazione tra più di 50 destinazioni in tutto il Mondo. Navigando HSP propone diverse tipologie di programma: HSP Basic, che consente di scegliere il Paese di destinazione; HSP Basic Plus, con cui lo studente può scegliere il Paese e indicare 4 interessi quali una materia preferita, la possibilità di acquisire il diploma scolastico all’estero, preferenza di zona dalle temperature calde o fredde; HSP Plus, programma con cui lo studente può indicare 3 scuole; HSP Area Select, che offre la possibilità non solo di scegliere il Paese, ma anche un’area specifica all’interno di esso; HSP Select, dove lo studente seleziona la sua scuola all’estero.
Quando è possibile partire e per quanto tempo?
Le partenze possono essere tra Luglio e Settembre o tra Gennaio e Aprile, dipende dal paese e dalla durata del percorso prescelto. La durata può variare da un trimestre ad un semestre fino ad un intero anno scolastico.
Si può viaggiare individualmente quando si è all’estero?
No!
Sono richieste vaccinazioni non obbligatorie in Italia?
Gli studenti devono integrare le vaccinazioni italiane con quelle obbligatorie nel paese di destinazione; in assenza le scuole non accetteranno l’iscrizione.
Possono i genitori e gli amici far visita allo studente durante l’esperienza?
Le visite sono consentite a fine esperienza nei programmi YFU e Basic; nei programmi Plus e Select sono possibili, ma devono essere richieste almeno un mese prima ed autorizzate da Navigando. Le uniche visite ammesse sono da parte dei genitori.
E’ possibile tornare in Italia per le vacanze di Natale e Pasqua?
No!
Chi assisterà lo studente quando sarà all’Estero?
L’assistenze di zona se lo studente è in famiglia o il tutor della scuola risiede nel college.
E’ necessario un visto per l’espatrio?
Dipende dal Paese di destinazione e dalla durata del programma. Per i programmi annuali e per i Paesi Extra Schengen è sempre necessario. Per i programmi semestrali e trimestrali dipende dal paese di destinazione.
Quali sono gli step per partecipare al programma?
Il percorso inizia quando si viene a conoscenza del Volunteering program. Si possono chiedere informazioni presso Navigando, visitare il sito www.navigando.it, scrivere una email a volontariato@navigando.it o partecipare ad uno degli open day.
Si compila la Scheda di Presentazione e si versano le spese di apertura pratica e di colloquio. Viene organizzata una intervista Skype con lo staff di Navigando. Questo primo “incontro” non è vincolante ai fini dell’iscrizione al programma.
Si riceve il dossier, da compilare entro 20 giorni. Il dossier, dopo attenta compilazione di tutti i suoi campi, deve essere riconsegnato allo staff di Navigando.
Insieme alla consegna del dossier, si deve compilare la scheda di prenotazione che Navigando farà pervenire e si deve versare l’acconto pari al 25% della quota di partecipazione tramite bonifico bancario.
Inizia la pratica per ottenere il Visto per i paesi extra europei.
Nelle settimane precedenti la partenza, si svolge la formazione.
Arriva il momento della partenza; all’aeroporto d’arrivo ci sarà un referente dell’Organizzazione estera pronto ad accogliere il volontario con entusiasmo.
Perché i programmi YFU non consentono di scegliere l’attività da svolgere?
YFU considera questo aspetto secondo i più nobili principi della sostenibilità e del volontariato: la chiave di lettura di questa “non-scelta” è da ritrovare nello svolgimento delle attività che fanno fronte alle necessità che la comunità locale vive. Il volontario, attraverso la compilazione del dossier, è chiamato ad esprimere i suoi caratteri descrittivi e i punti di forza; sulla base di questi, YFU si impegna nel costruire un progetto che veda un giusto compromesso tra il volontario e la comunità locale che lo ospita. E’ richiesto da parte del volontario un importante spirito di sacrificio, ma noi di YFU siamo certi, considerate le esperienze passate, che questa esperienza nobiliti e qualifichi in modo ineguagliabile qualsiasi volontario che vi prende parte, ripagandolo con profitto di tutti i contributi da lui investiti. Allo stesso modo, siamo convinti che questa esperienza rappresenti un aiuto concreto per la comunità locale. I programmi YFU, sempre nell’ottica di generare un reale aiuto per la comunità ed un importante ritorno per il volontario, prevedono la permanenza in territorio estero per un periodo che varia dai 2 ai 12 mesi. La sistemazione è sempre prevista presso una host family, per un’immersione culturale profonda.
Perché scegliere Navigando Volunteering?
L’esperienza ventennale, che noi dello staff di Navigando conserviamo e valorizziamo, ci ha portato a considerare l’odierna ricerca di esperienze sempre più personalizzabili e coinvolgenti da parte dei nostri clienti. Per questa ragione proponiamo un’ampia offerta di attività che i volontari possono svolgere in svariate località sparse per il mondo. Navigando Volunteering è un programma personalizzabile dal volontario. A noi di Navigando spetta il lavoro di costruire questo progetto, in modo che rechi un reale e concreto aiuto alla comunità locale che ospita. La permanenza in territorio estero può variare da 2 a 12 settimane. La sistemazione è presso una residenza per volontari.
Quando è possibile partire per un’esperienza di volontariato?
Per la maggior parte dei programmi Navigando Volunteering sono possibili partenze durante tutto l’anno. Per i programmi YFU Volunteering sono previste date di partenza e di ritorno definite e non modificabili.
Qual è l’età minima e l’età massima per prendere parte al programma?
L’età minima per la maggior parte delle esperienze di volontariato è 17 anni. La maggioranza dei volontari ha un’età compresa tra i 18 e i 25 anni. Non c’è un limite massimo di età per prendere parte a queste esperienze.
Sono necessarie particolari qualifiche e competenze?
No, salvo per alcune esperienze, non è richiesta alcuna particolare qualifica. Questo diviene un aspetto cruciale per la nostra proposta, dal momento che uno dei nostri obiettivi primari è offrire ai volontari la possibilità di acquisire nuove conoscenze e competenze.
Qual è il livello richiesto di conoscenza della lingua inglese?
Non è necessario possedere un elevato livello di conoscenza della lingua inglese; tuttavia è opportuno che il volontario sia in grado di comunicare in modo efficace con le persone durante l’esperienza.
Qual è il livello richiesto di conoscenza della lingua locale?
Non è necessario possedere un elevato livello di conoscenza della lingua locale. Nel caso in cui fosse necessario comunicare con gli abitanti locali, un traduttore inglese supporterà il volontario.
Quali attività sono previste prima della partenza?
Prima della partenza, il volontario è coinvolto in un’attività formativa, che lo aiuta a meglio affrontare l’esperienza all’estero. I tempi e le modalità secondo cui questa formazione viene eseguita dipendono dalla disponibilità del volontario. La formazione è utile a Navigando per conoscere a fondo il volontario da assistere durante l’intera esperienza.
Cosa comprende la quota di partecipazione?
Per prendere parte a queste esperienza, è necessario versare una quota che copre le spese organizzative e le spese a destinazione.
Completata la prenotazione il volontario non deve preoccuparsi di sostenere ulteriori costi. Infatti, la quota di partecipazione comprende:
Vitto e alloggio;
Copertura assicurativa per spese sanitarie, infortuni, bagaglio e responsabilità civile;
Volo A/R con partenze da Milano e Roma, comprensivo di voli interni al Paese di destinazione;
Assistenza aeroportuale in partenza dall’Italia;
Riunioni informative;
Attività d’indirizzo nella scelta del programma;
Formazione pre-partenza;
Accoglienza e formazione all’arrivo;
Attività di monitoraggio continuo durante il soggiorno;
Gadget;
La quota di partecipazione non comprende:
Spese di apertura pratica e colloquio pari a € 135;
Spese consolari e amministrative per la pratica di Visto (quando necessario).
Perché contribuire con il versamento di una quota per prendere parte ad un’esperienza di volontariato?
Navigando Turismo e Cultura garantisce ai propri volontari:
ampio supporto informativo;
programmi flessibili: durata dell’esperienza, date di partenza, paesi di destinazione;
ampia varietà di tipologie per le attività proposte;
formazione pre-partenza;
supporto e assistenza continua dall’Italia e dal partner estero.
Tutto ciò richiede risorse e competenze importanti, che Navigando Turismo e Cultura mette a disposizione con passione, vantando un’esperienza ventennale nel proposte interculturali e linguistiche all’estero. La cura dell’esperienza, che ruota attorno al volontario e alla comunità che lo ospita, è un aspetto per noi fondamentale. Il risultato, quando è positivo, è la somma di due esperienze interrelate, quelle vissute dal volontario e dalla comunità locale. Navigando si impegna, anche grazie al contributo versato dal volontario, a fornire un’esperienza di qualità anche per la comunità locale. L’errore che spesso si commette è pensare che sia sufficiente mettere a disposizione la propria presenza, il proprio tempo e la propria buona volontà; invece, per garantire un reale aiuto, è necessaria una valida organizzazione che strutturi un buon progetto di volontariato, considerando le necessità che la comunità locale vive.
Ci si deve sottoporre a delle vaccinazioni prima della partenza?
Dipende dalla destinazione scelta.

Ti piacerebbe fare
un viaggio con noi?

Scrivici per ricevere maggiori informazioni o scegli uno dei
pacchetti proposti per iniziare subito l’avventura

Richiedi info